L'INFERNO ESISTE. LA PSICHIATRIA A TRIESTE (6/7)

1t8gt
A eterna vergogna dellItalia una legge genocida sostenuta dalla complicità di una enorme parte del parlamento e dalla vigliaccheria dellaltra. A eterna vergogna della città di Trieste e della regione Friuli Venezia Giulia che hanno lasciato rovinare e trucidare tanti dei giovani, tante persone innocenti. Tutta Trieste sa dei sequestri, reclusioni, trattamenti chimici perpetrati su madre e figlia; Eva è ancora reclusa, alla mamma non vogliono comunicare nè un nome di medico curante, nè la terapia. Ma c'è un medico curante? C'è una terapia? A eterna vergogna della città di Trieste che, rese note le atrocità sulle due donne, psichiatri - con Dell'Acqua in testa - cortigiani e sicari, tutti i dirigenti del partito democratico della città, la CGIL rappresentata da uno dei suoi dirigenti fanno a gara nell'azzannare le due vittime stremate e ancora prigioniere. Non una parola di pietà. Fanno un polverone di nome180, che non c'entra niente, simulano attacchi, tirano fuori le icone di Basaglia, istigano al linciaggio. Povera Trieste. Le iene umane hanno prolificato a dismisura. www.giuliocomuzzi.it
313 vues 5 ans

À ne pas manquer